E a casa Rim, chi vince in qualità?

498187de6335e_hpTra i due blackberry di Rim del momento; chi vince in qualità?E’ migliore lo Storm o il Blackberry Curve 8900? I due gioiellini di Rim sono abbastanza simili, quindi risulta difficile fare una scelta. Ma volendo fare i pignoli dipende molto da alcune esigenze specifiche del cliente. Le differenze si notano infatti per quanto riguarda la connessione al web e per il prezzo.
Il Curve funziona meglio sulla posta elettronica, mentre per chi è più interessato alla navigazione in Internet, conviene orientarsi sullo Storm. Per quanto riguarda il prezzo: lo Storm costa 399 euro, mentre il Curve 429. I due telefonini si assomigliano invece nella linea, nel diplay e nella dotazione fotografica.

  • Share/Bookmark

Gmail offline, ma solo in inglese

gmail

Fino ad oggi Gmail funzionava solo se era attiva una connessione al Web in grado di caricare le pagine e le varie funzioni. Ma dato che la connessione non è sempre disponibile, Gmail ha deciso di fare il grande passo, creando una versione offline.
Questo grazie ad un’altra applicazione di Google, ovvero Google Gears, con cui si può creare una versione offline delle applicazioni online.
Le operazioni effettuate, però, sono da considerarsi meramente virtuali: la casella di posta sincronizzerà le attività svolte offline solo nel momento in cui una connessione sarà disponibile, pertanto il tutto rimane una semplice virtualizzazione di una attività simulata ed effettivamente concretizzata in automatico solo quando possibile.
Unica pecca: la funzione sarà attivata nei prossimi due giorni solo agli utenti statunitensi ed inglesi.

  • Share/Bookmark

SEAmail e la posta è subito pronta

ZA101913091040E dalle Università Americane arriva l’email semantica. Si tratta di un nuovo sistema di posta elettronica pensato al momento, solo per aziende e università. Parliamo di SEAmail e da la possibilità di inviare messaggi di posta elettronica senza bisogno di ricordarsi l’indirizzo di posta dei destinatari.
Il principio su cui si muove è abbastanza semplice. Tramite il sofware si può associare un nome ad un indirizzo di posta elettronica, ad esempio se serve una lista di professionisti in un ambito particolare gli indirizzi sono subito disponibili, garantendo sicuramente un ottimo risparmio di tempo. Il rovescio della medaglia è ovvio: con questo sistema, la privacy è sicuramente poco tutelata e questo può provocare un numero esponenziale e fastidioso di messaggi di posta elettronica poco desiderati.

  • Share/Bookmark

Small sister per la tutela dell’anonimato

ie7Si tratta di tutela della privacy o di libertà senza controllo? Parliamo di Small sister, il servizo pubblico che permette di inviare e-mail non intercettabili. Questo nuovo tipo di posta elettronica gira ora solo sul sistema operativo Linux,e permette di nascondere i contenuti delle intestazioni quando i messaggi sono trasferiti attraverso Internet, semplicemente ricorrendo a meccanismi di cifratura. E questo quindi il motivo che fa risultare impossibile determinare provenienza e destinazione dei messaggi stessi. Small sister si basa sul motore Tor, che garantisce appunto l’anonimato delle intestazioni, anche se nasconde il difetto di essere piuttosto lento, in fase di consegna il ritardo è infatti di circa 5 minuti, rispetto ai servizi tradizionali.

  • Share/Bookmark

Cara S.Lucia vorrei un adesivo Gmail…

Google Bikes

Dato che oggi è la vigilia di S.Lucia, segnaliamo una curiosità che potrebbe rivelarsi utile…
Gmail, il servizio di posta elettronica di Google, promette di mandare a casa una serie di adesivi colorati se si manda una lettera (vera!) di richiesta al seguente indirizzo (con busta e francobollo per la risposta):

P.O. Box 391420
Mountain View, CA 94039-1420

Provare…non costa nulla!

  • Share/Bookmark

Poste Mobile prende il volo

mail.jpg

Contro ogni previsione (a causa del mercato saturo di operatori) Poste Mobile continua la sua salita tra le classifiche degli operatori più usati dagli utenti di telefonia mobile. Questo dato è stato annunciato direttamente da Massimo Sarmi, l’amministratore delegato dell’azienda postale italiana, durante la visita del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, al Polo Tecnologico di Viale Europa a Roma :“Sono 650 mila le sim vendute sinora in un anno [...] Abbiamo dimostrato che siamo di gran lunga i primi in Europa e rischiamo di essere i primi anche nel mondo”. Certo, forse i toni sono un pò troppo gonfiati, ma è innegabile che l’offerta Poste Mobile è in grado di competere bene con le altre proposte degli operatori tradizionali nazionali.

  • Share/Bookmark

Gmail e le novità in corso

google_power.jpg

Gmail sta attraversando un periodo di grande rinnovamento. Tutti gli utenti che hanno un contatto gmail hanno potuto vedere nelle ultime settimane numerose utility aggiuntive, che rendono il server di posta elettronica più accattivante.
Un esempio è la possibilità di mettere sfondi personalizzati e caratteri diversi dai soliti standard. Oppure le clip web da inserire a piacere, della tematica che si vuole. O ancora la creazione di etichette nominabili. Questa nuova veste di gmail sembra convincere, anche se non mancano i “tradizionalisti” e quindi è stato messo un tasto per poter tornare alla visualizzazione classica di un tempo.
Sicuramente le novità non si fermeranno qui, perciò staremo a vedere cosa ci riserverà BigG.

  • Share/Bookmark

Mail Goggles, quando Google fa il “simpatico”

google22.jpg

Gmail ha reso disponibile una divertente nuova funzionalità sperimentale denominata Mail Goggles.
Lo scopo principale è quello di aiutare gli utenti ad evitare di inviare quei messaggi di posta dei quali potrebbero pentirsi in seguito, tramite una funzione che si occupa di chiedere all’utente conferma della sua volontà di inviare un messaggio di posta. Quindi, se il mittente sta inviando una e-mail venerdì notte, quando si presuppone possa essere poco lucido, Mail Goggles gli chiederà di risolvere alcuni quesiti matematici prima di lasciare la propria outbox, e solo se le risposte saranno corrette, il messaggio verrà spedito.

Piccola curiosità: l’idea nasce da un incidente accaduto a Jon Perlow, un ingegnere di Google, che una notte inviò un’email alla sua ex chiedendole di rimettersi insieme.

  • Share/Bookmark